Archivio mensile:marzo 2013

Oh oh…

Standard

Aggirarsi per il bagno, il cellulare in tasca, i jeans troppo stretti…
Svuotare la lavatrice, passare davanti al water… sentire…
PLUFF

tuffo3

Annunci

007 Bersaglio mobile

Standard

Stasera su Rai Comico: “007 Bersaglio mobile”.
La storia di un bambino di 7 mesi e della sua mamma che cerca di imboccarlo.

Un intrigo avvincente, scene di aeroplani, astuti inganni orditi da donne prosperose di cui il giovane protagonista ama contornarsi.
Egli è un duro. Di una cosa siamo certi: se anche sa, lui… non parla.

intrigo internazionale

(Cary Grant in “Intrigo internazionale”)

A bbellooo

Standard

La Patata, 3 anni e mezzo, mangia lo yogurt e mi canta “…Tutto il resto è nooiaaaa… No, non ho detto gioiaa, ma noia noia noiaaaa… maledetta noiaaaa…”
Io, preoccupata: “L’hai cantata anche all’asilo?”
“Sì!”
“E cosa ti hanno detto?”
Risponde facendo il relativo (romanaccio) gesto con la mano, enfatizzato dal gomito alzato ad altezza spalla e il movimento rotante di quest’ultima…
A’ bbbellooo!

Bisogna che mi ricordi di fare un discorsetto a suo padre…

franco califano

Dillo con un ruzzle

Standard

Si chiamava Ladybug, mangiava puntini.
Da un certo “muro” in poi potevi vincere una vita e io la vincevo. Sempre.
Da un cert’altro muro in poi potevi vincere una partita e io la vincevo. Sempre.
Poi, però, durante la partita omaggio non potevi vincerne altre, peccato. O forse meglio, se no forse sarei ancora là, in quel baretto in riva al mare, o forse, abbarbicata a quel videogioco, in un deposito di modernariato elettronico, o forse in un bar di periferia di un paese del secondo mondo.

Chissà se, così come i potenti signori del marketing con una sapiente operazione nostalgia hanno riesumato puffi e barbapapà per i figli dei bambini di ieri, un giorno qualche scaltro imprenditore riesumerà i vecchi videogame, quelli col joystick a palletta e la grafica a due dimensioni. Me la immagino, una sala giochi in vecchio stile, nel centro di una grande città, piena di quasi-quarantenni impazziti!

E comunque non c’era solo la coccinella… Un’altra mia grande passione è stato, ancora più indietro nel tempo, Pooyan: c’era un porcellino dotato di arco e frecce che doveva, con queste, colpire e scoppiare i palloncini, grazie ai quali lupi cattivi salivano nella sua casa a minacciare i suoi figlioli. Continua a leggere…

Una merenda golosa e genuina.

Standard

Ricevo lettere per Tata Lucifera, con richieste di consigli.

Scrive una mamma:

“Il mio grazioso pargolo, dopo pranzo, dorme volentieri un’oretta e mezza, peraltro una giusta durata anche per il sonnellino della sorella più grande.
Ma tale intervallo di tempo non è continuo, no, è inframezzato… come dire… primo, secondo e terzo tempo, tutti della durata di mezz’ora, tutte le volte devo attaccarlo al seno per riaddormentarlo. Posso fare qualcosa?”

Risponde Tata Lucifera:
Continua a leggere…

Attese inutili

Standard

Se guardi un led con un occhio semichiuso (più chiuso che semi) vedi partire quattro o cinque raggi.
Se con un dito provi a bloccarli tutti tranne uno, ti sembrerà di vedere un raggio laser o infrarosso (?), tipo allarme del caveau di una banca in un film di ladri.
Figo.
occhio chiuso aperto
So che metà di voi penserà che sono impazzita… ma immagino anche l’altra metà intenta a spostare dita! 😉

Consigli per gli acquisti

Standard

Alcuni genitori mi scrivono esprimendo il loro disagio nell’affrontare argomenti difficili quali il trapasso.
D’altro canto ci sono altri genitori che si domandano spesso in che misura assecondare i desideri dei propri bambini, specialmente per quanto concerne gli acquisti.
Chiediamo aiuto a Tata Lucifera.

Lara scrive:
“La mia bimba di tre anni e mezzo mi ha chiesto se le compro una tomba.

pietra tombale 4

Che fare? Devo affrontare con serietà l’argomento? Forse ne ha sentito parlare da qualche compagno di asilo? Questa società in malora le ha già instillato un’insicurezza tale da spingerla a considerazioni troppo precoci per la sua età?”

Tata Lucifera risponde:
“Cara Lara, se, come credo, tua figlia non ha ancora imparato a pronunciare la lettera R… non indugiare, la musica è importante, comprale pure una tromba

😉