Montagna – giorno 3

Standard

Proseguo alla pubblicazione del terzo giorno di montagna. Poi basta, giuro, ché ormai è primavera.

Il terzo giorno riproviamo a spingere la bimba al corso collettivo di sci (già pagato), ma lei proprio non ne vuole sapere, del resto anche oggi la cagano poco… salvo poi accorgersi e tentare di rimediare ma è ormai troppo tardi.

Piuttosto che tirare troppo la corda decidiamo di abbandonare il corso è la maestra sarà la… Mamma.

La fatica fisica è veramente notevole, soprattutto quando devo sostenere il suo corpo morto nei momenti di impasse, ma ben presto mi rendo conto che è ancora più bello che sciare è insegnare alla propria figlia a sciare.
E la bimba, peraltro, è molto contenta di farlo con la mamma. 🙂

Due giri di seggiovia e siamo entrambe da buttare e quindi verso le 10 e 30 si decide serenamente che la giornata sciistica è finita.

Raggiungiamo il parco giochi con gonfiabili e io adocchio una meravigliosa panchina, ma no… non è il momento: a fianco ci sono le piste per scendere con i ciambelloni e il bob.
I bimbi sono 2 e sono piccoli e quindi i genitori da utilizzare sono entrambi. Dopo n giri di bob la mamma è distrutta.
Mi chiedo se abbiamo raggiunto un orario legale per andare a pranzo, libero il polso e mi accorgo che ho perso l’orologio.
Guardo il cellulare, l’orario non è maturo ma disposticamente decido che si torna ai gonfiabili e conquisto la panchina.

Alla fine tutti sfiniti con bimbo sulle spalle di papà guadagniamo il primo locale e mangiamo robazza col bimbo incavolatissimo perché nel suo seggiolone non c’è abbastanza spazio per il piatto, che quindi è inclinato, e lui fa fatica. Se provi ad aiutarlo. .. SOLOOOOO!

Tutto sommato solo mezz’ora per addormentare tutti .

Pomeriggio… non pervenuto – vuoto di memoria… c’è stato un pomeriggio?

Domattina niente lezione e si può fare un po’ più tardi.

Vista la quantità di porcherie mangiate in giornata e soprattutto a cena si intravede un possibile problema di digestione (non è vero) e quindi… GRAPPA!

La morale: andare in montagna d’inverno coi bimbi piccoli è una fatica bestiale, ma del resto anche stare a casa coi bimbi piccoli lo è, e quindi tanto vale. E infatti vale tanto! 🙂

montagna neve

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...