Archivi tag: umorismo

Causa-effetto?

Standard

Mi confessa: “Non vivo sotto lo stesso tetto con un uomo dall’ ’87”

Lei è una delle persone più sorridenti che io abbia mai incontrato, mi sono sempre chiesta come faccia ad essere così solare.

Ecco, chissà…

smile occhiolino

Annunci

Ricerche di geometria

Standard

Negozio di geometria.

Il commesso neoassunto chiede al più esperto.
“Senti, c’è un cliente che mi chiede figure poco usate, ma non so dove stanno.
Sto cercando trapezi, tronchi di cono e semicerchi”

“Scusa, ho poco tempo perché devo andare a sistemare queste sfere.
Comunque ci sono: qua trapezi, lì sopra tronchi di cono.
Semicerchi sono là.
Se mi cerchi, sono là.”

semicerchi

Addio

Standard

Lei ha tre anni e mezzo, quasi quattro.

“Gualda mamma…”
Con aria triste, mi mostra la foderina luccicante della sua molletta per i capelli, uscita dalla sede e parzialmente strappata.
“Tesoro, si è rotta un pochino, ma se vuoi la mamma te la ripara”

Dopo un po’ torna.
“Digli addio…”
“Come?”
Apre la manina e mi mostra la stessa decorazione, stavolta strappata in quattro o cinque pezzettini (evidentemente quella molletta, ereditata, non la faceva impazzire).
“Ah, l’hai rotta tutta. Allora buttala via”
“Sì… digli addio!”
“Addio…”

La butta.

Poi mi guarda con l’espressione più seria, adulta e preoccupata che riesce a fare…
“… com’è potuto succedele…?!
oscar

Lacrime di coccodrillo

Standard

Ho approcciato il pasto bevendo una tisana piuttosto speziata, in modo da contrastare l’appetito.
Ho condito con poco olio i pomodori, ho assaporato poco asiago e integrato con una fetta di pane, piccola.
Poi – cerca cerca – ho trovato i pan di stelle e me ne sono mangiata un mucchio, inzuppati nel latte.
Dopodiché la tazza si è sbilanciata e il latte si è versato e io ho pianto… lacrime di coccodrillo! 😉
latte versato

Piccole creature panicogeniche

Standard

Allarme pidocchi alla scuola materna.

pidocchi

Ispeziono il cuoio capelluto della bimba… Oh, disastro! È piena di uova!

Guardiamo meglio vicino alla finestra… E quei puntini neri?! Caspita, pure i pidocchi!!!
Piccolini… si vede che sono appena usciti dalle uova…

Però non si vedono le zampe… Cavolo, mi è proprio calata la vista!

E quei puntini marroni? Forse le uova possono essere anche marroni?

Certo che sono proprio tanti!
E fanno veramente in fretta! Come ho fatto a non accorgermene prima?! Certo, ammetto che non sto sempre li a guardarle la testa…

Tremendo, guarda che roba… sembra sabbia…

😯

E alla fine ricordarsi all’improvviso che ieri la bimba ha giocato “vicino” alla sabbiera!!! 😀

To sleep or not to sleep

Standard

To sleep or not to sleep…

essere o non essere

D’accordo, era to be or not to be, ma per “essere” bisogna prima di tutto soddisfare i bisogni primari dell’essere umano, tra cui mangiare e dormire.

Il riposo pomeridiano per una mamma che allatta è spesso fondamentale per mantenere condizioni fisiche sufficienti alla produzione del prezioso nutrimento.
Penso al riposo pomeridiano perché è generalmente il più lungo lasso di tempo in cui si può sperare di liberarsi dalle urgenze del bambino, insomma, generalmente dopo pranzo il bimbo dorme a lungo.

Sperare… generalmente… a lungo…

Tipo l’altro giorno? Si addormenta nel suo letto… Quatta quatta vado in camera mia a tentare di fare lo stesso… Dopo 20 minuti si sveglia, lo porto con me, lo riaddormento, dopo un po’ squilla il telefono (è lì accanto a noi perché aspetto la chiamata del gommista, il giorno prima in ritardo ad un appuntamento cui portare anche il pupo, pioggia battente, ho scoperto la gomma a terra).
Niente, è uno che ha sbagliato numero, lo riaddormento (il pupo), rinuncio a dormire…

Ma se rinuncio a dormire generalmente lui dorme beato a lungo…

Che faccio, riprovo a dormire?  No, perché poi lo so che si risveglia… E se provassi a dormire ma facendo finta che non lo faccio? Se facessi come quella che in quel film di serie B degli anni ottanta si disegnava dei finti occhi aperti sulle palpebre?

Nel frattempo, nel dubbio, mi sono mangiata 4 scacchi di cioccolata fondente (bisogni primari dell’uomo… mangiare… dormire…)

Avviso importante

Standard

Attenzione, questo è un messaggio di pubblica utilità, rivolto in special modo ai genitori, con preghiera di diffusione.

Qualora vi capiti di intravedere, in edicola, un libercolo di Peppa Pig, con allegato cd di canzoni, prestate attenzione – ripeto – prestate attenzione alla durata di quest’ultimo.
Fonti certe hanno riferito che si tratta di un cd della durata totale di 6 minuti e 38 secondi.

6 minuti e 38 secondi significa che, qualora il vostro bambino scelga una sessione d’ascolto della durata di un’ora, le stesse canzoni verranno ripetute 9.05 volte.

Può creare disturbi del comportamento.

peppa pig2

Una merenda golosa e genuina.

Standard

Ricevo lettere per Tata Lucifera, con richieste di consigli.

Scrive una mamma:

“Il mio grazioso pargolo, dopo pranzo, dorme volentieri un’oretta e mezza, peraltro una giusta durata anche per il sonnellino della sorella più grande.
Ma tale intervallo di tempo non è continuo, no, è inframezzato… come dire… primo, secondo e terzo tempo, tutti della durata di mezz’ora, tutte le volte devo attaccarlo al seno per riaddormentarlo. Posso fare qualcosa?”

Risponde Tata Lucifera:
Continua a leggere…